COMMUNITY                                                                                                chiudi | stampa
 
| FOTOCONACA
25/07/2012

Monti ALTI TATRA POLACCHI

Dal 5 al 12 giugno 2012 siamo stati a Zakopane nel sud della Polonia per attraversare gli Alti Tatra Polacchi. Mi hanno accompagnato 4 splendidi napoletani che hanno dato sapore a questa esperienza. La catena dei Tatra si estende per una sessantina di km a ridosso del confine con la Slovenia, E' un ambiente particolare e "molto alpino"  sebbene le cime non superino mai i 2600 metri di quota e la neve persiste fino a tarda stagione rendendo a volte impossibile raggiungere i colli più alti. La parte centrale, rocciosa e aerea, è in pratica una lunga e faticosa via ferrata che non abbiamo potuto provare per il continuo maltempo (altra costante di questa catena). La parte polacca è parco nazionale e si paga (4 sloty = 1 euro) per entrare. L'organizzazione è molto efficace: in pratica si paga all'inizio di ogni valle di accesso e si prosegue su strada, a volte asfaltata, anche per tratti di una decina di km fino ad un rifugio che è in realtà l'inizio dei sentieri montani. I rifugi si trovano ad un'altitudine di 1100-1300 metri e distano da 3 a 5 ore uno dall'altro. Pochi i sentieri, molto ben segnalati e, per lo più, lastricati. I Tatra sono frequentatissimi - ho visto migliaia di escursionisti spesso molto giovani - soprattutto dai polacchi. I costi sono decisamente abbordabili - con 20 euro mangi e dormi da signore, ovviamente polacco. Si arriva in aereo a Cracovia, che merita una visita approfondita, quindi in bus a Zacopane distante un centinaio di km. Da Zakopane una moltitudine di navette permettono di raggiungere ogni luogo a basso costo. Ideale per una vacanza economica e di scoperta, anche culturale, (e le polacche sono mediamente molto carine). Tutti parlano inglese.


[click to zoom]

[click to zoom]

[click to zoom]

[click to zoom]